giovedì 10 luglio 2014

Riflessioni randomiche su Wattpad - parte 1



L’ho fatto, ho ceduto alla tentazione di Wattpad. 

 L’ho fatto principalmente perché ho nel cassetto una storia, già scritta per la maggior parte, ispirata al gioco di ruolo “Vampiri: la Masquerade”. Non potendola pubblicare per ovvi motivi di copyright, decisi di usarla come “palestra di scrittura”, anche se il fatto che nessuno l’avrebbe letta mi rodeva un po’. All’inizio avevo pensato a EFP, il popolare sito di fan fiction italiano, ma costatando la desolazione della maggior parte dei fandom (tra cui appunto quello di Vampiri) e il notevole abbassamento del livello culturale degli scritti (neanche a dirlo dovuto perlopiù al fandom di alcuni noti artisti musicali inglesi), ho desistito. Ho puntato quindi su Wattpad, community di scrittori di fondazione canadese, che ultimamente ha conosciuto una discreta popolarità anche qui in Italia.

Probabilmente avevo aspettative troppo alte, mea culpa. Certo non mi aspettavo un circolo di premi Nobel, ma immaginavo una community di aspiranti scrittori di un discreto livello che, per un motivo o per l’altro, non riescono (o non vogliono) ad arrivare alla pubblicazione.
Scarico l’app, m’iscrivo, inserisco i vari dati, insomma la solita trafila, poi comincio l’esplorazione. Inizialmente mi dedico alle storie pubblicate in lingua inglese, essendo la community anglofona quella più numerosa. Qui trovo una parziale conferma alle mie aspettative: storie interessanti, ben scritte, con copertine belle e accattivanti, con pochissime eccezioni.

Prima però di partire in quarta con la pubblicazione del prologo e del primo capitolo decido di dare un’occhiata alla community italiana, quindi tutta felice cambio l’impostazione della lingua. Non l’avessi mai fatto!
Fan fiction, fan fiction da dodicenni ovunque! Scurioso un po’ tra le trame, per un buon 90% le strorie  trattano dell’idillio amoroso tra uno o più dei già citati artisti inglesi e la protagonista/alter ego dell’autrice. Il culmine del degrado lo tocco quando, spulciando la sezione “vampiri” e ritrovandomi sommersa da succhiasangue canterini e fan fiction di Twilight, decido di aprire una storia casuale. La copertina è fotomontaggio malfatto (con un sito tipo “blingee” temo), il titolo è una banale frase in un inglese stentato, il nome dell’autrice è un incomprensibile insieme di lettere maiuscole e minuscole, la descrizione consiste in un’invitante esortazione “leggetemi vi prego <3”.

Comincio la lettura. La protagonista si presenta, è bella, innamorata di un altro artista inglese e vive da sola a 15 per un non meglio spiegato motivo. Viene aggredita da un vampiro e anziché preoccuparsi e correre al pronto soccorso, se ne va a dormire come se niente fosse. Ma certo, è la reazione umana più ovvia in quel caso! Anche la madre e la sua migliore amica se ne sbattono allegramente. Alla fine tutti si rivelano vampiri, compreso mister Canterino che finirà ovviamente per innamorarsi della protagonista/autrice. Il tutto condito da pessima scrittura, abbreviazioni e italiano sgrammaticato, evviva!
A quanto pare purtroppo storie del genere sono la regola, mentre racconti e romanzi ben scritti rappresentano una rara eccezione. Purtroppo non esistono moderatori o altri addetti al controllo della qualità minima degli scritti, almeno non nella sezione italiana.
Concludendo, al termine dello spiacevole “giro turistico” sono rimasta lì con l’amaro in bocca e scoraggiata non ho pubblicato un bel niente. Spero di riuscire a cambiare idea.
Baci, la vostra (delusa) 

Ziggy.

5 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  2. Anche io mi sono registrata su Wattpad, anche se all'inizio era solo curiosità perché tutti ne parlavano bene
    Appena entrata ho iniziato a dare una breve occhiata a vari fandom e storie fra la più popolari in giro, tutte e dico TUTTE sembravano scritte da ragazzine alle prime armi, che delusione.
    Ora non lo uso spesso, perché tutti i fandom che adoro non sono troppo conosciuti in Italia e trovare delle storie è più unico che raro.
    In questi giorni ho iniziato a leggere una storia che mi era stata “consigliata” nell'applicazione, non ti dico, frasi senza senso, verbi sbagliati, stile narrativo davvero scarso (non per offendere) e protagonisti con nomi stranieri che studiano italiano al liceo, in un paese che non è nemmeno specificato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gwendolyn! In realtà questo post è stato scritto da una ragazza che collaborava con me qualche tempo fa, io di Wattpad non so proprio nulla, se non quello che sento in giro e che corrisponde per la maggior parte a quello che dici tu! Mi sono iscritta solamente l'altro giorno per poter leggere degli estratti da un libro che non riuscivo a trovare altrove, ma dubito che mi metterò mai a leggere qualcosa. Con il poco tempo che ho, preferisco leggere chi sa davvero scrivere (o scrivere a mia volta) :)

      Elimina
  3. Mi sono iscritto per curiosità. Ho pubblicato un paio di storie. La maggior parte di quanto pubblicato è solo sdolcinatura scritta male. Come si fa per disi scriverai?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io per ora scrivo solo, non mi interessa leggere nulla a parte qualche storia di gente che conosco già...non so se sia possibile disiscriversi, temo che il profilo rimanga comunque presente anche se l'utente non usa più la piattaforma

      Elimina

Che cosa ne pensi di questo? Di' la tua!