venerdì 31 ottobre 2014

Curiosando in libreria #3 : Le storie perdute. Cronache del Mondo Emerso

Dedico questo breve post di oggi a quella che secondo alcuni è la più grande scrittrice di fantasy italiana, ossia Licia Troisi, e al suo nuovo libro, Le storie perdute. Cronache del Mondo Emerso  
( potrei anche parlare di Halloween, ma visto che non lo festeggio e che comunque ne parlano tutti, ho pensato di investire il mio tempo in altro modo). Dunque, devo dire che questo ritorno di Nihal porprio non me lo aspettavo, dato che i miei pensieri hanno abbandonato il Mondo Emerso già da diversi anni.

Le Cronache del Mondo Emerso sono state uno dei primi fantasy che posso dire di aver letto sul serio, e dire che l'intera trilogia mi è piaciuta è molto, ma molto riduttivo. Ricordo ancora che ho letto l'intero malloppone di tutta la trilogia in una settimana, e credo di averlo riletto anche un altro paio di volte. Ho amato anche tutta la trilogia delle Guerre del Mondo Emerso, anche se la storia è molto più fosca e meno infantile di quella della precedente trilogia. Poi è arrivata la saga della Ragazza Drago, che paragonata ai libri precedenti della Troisi si colloca non un gradino, ma un'intera scala sotto. Pensate che non sono nemmeno riuscita a portarla a termine e non ho nemmeno la voglia di sapere come tutto va a finire, perché l'ho trovata scritta in modo tanto infantile e le vicende erano tanto banali, che davvero in quei libri non sono riuscita a riconoscere la Troisi. Per non parlare poi delle Leggende del Mondo Emerso. 


Dopo averle lette ed esserne rimasta oltremodo delusa, avevo deciso di abbandonare completamente la Troisi, e infatti dopo la sua ultima trilogia sul Mondo Emerso non ho più letto, nè ho voluto leggere, qualcosa di suo. 
Ora però la cara Licia se ne è uscita con una bella - sì, proprio bella, perchè, ripeto, ho amato la sua prima trilogia - sorpresa, ovvero un nuovo libro che narra aspetti nascosti della vita di Nihal e dei suoi compagni d'avventura. L'idea in sè mi attira e non mi attira. Da un lato fa sempre piacere reincontrare vecchi personaggi della propria infanzia che si ha amato, ma dall'altor mi chiedo: a distanza di così tanti anni, come è possibile che la Troisi abbia ritrovato la sua prima ispirazione? Quello che voglio dire è: si tratta davvero di una storia che l'autrice ha sentito o è soltanto un'occasione per aumentare le vendite, facendo leva sul successo di una ormai vecchia trilogia conclusa? Purtroppo per esperienza so che quando una serie continua per troppo tempo, perde tutto il suo sapore e diventa soltanto una tiritera sempre uguale per tirare avanti con le uscite (dei libri) e le entrate ( della casa editrice e dell'autore stesso).
Insomma, ho questo dubbio che mi rode, voi che dite? Il mio distacco dalla Troisi non è stato proprio dei migliori, e non vorrei avere un'altra delusione come quella delle Leggende. Compro o non compro, leggo o non leggo, questo è il dilemma irrisolvibile. Mentre cerco di decidermi, vi lascio con tutte le informazioni del caso!

TITOLO: Cronache del Mondo Emerso - Le Storie Perdute
AUTORE:Licia Troisi
CASA EDITRICE: Mondadori
PAGINE: 389
DATA DI PUBBLICAZIONE: Ottobre 2014
PREZZO: 20 euro

Torna Licia Troisi e il suo mondo popolato da elfi e draghi malvagi con Cronache del mondo emerso. Le storie perdute. Ad incoronare la bellissima e acclamatissima trilogia il ritorno di Nihal, eroina scomparsa dopo aver sconfitto il Tiranno e i suoi adepti. Elfi, mezzelfi, gnomi ed esseri umani si riuniscono in questo nuovo racconto magico per una sorprendente avventura, mai narrata nel regno dei regni, mai ascoltata nei fuochi della sera o alla luce del sole. La storia di Nihal è ancora viva nel cuore e nella mente degli abitanti della Terra del Vento e di padre in figlio le gesta eroiche che furono compiute vengono ancora narrate ai bambini. Così una notte d’inverno si presenta in una locanda appena fuori dal regno un cantastorie misterioso e incappucciato con tre storie da raccontare, finora tenute segrete e sconosciute a tutti. Le storie parlano di Nihal e della sconfitta del Tiranno, un evento così epocale per quelle terre da essere giunto molto lontano nel tempo e nello spazio alle orecchie di gnomi e uomini. Ma chi è davvero il cantastorie e quali racconti e segreti sta per svelare? Dopo le prime due sorprendenti storie ne arriverà una terza, sconvolgente e allarmante per i molti avventori della locanda, sconvolti dal freddo e dal vino. Licia Troisi torna così a stupire il lettore con Cronache del mondo emerso. Storie perdute, in un’atmosfera ormai ben connotata e delineata che è quella dei suoi romanzi e dei suoi mondi emersi o sommersi che siano, ma qui con l’aggiunta di una componente noir e da romanzo giallo che rende maghi, spade e folletti ancora più misteriosi.


P.S. Le illustrazioni delle nuove cover del Mondo Emerso sono realizzate da Corrado Vanelli, un illustratore bravissimo che si è dimostrato così gentile e disponibile da realizzare la cover del mio secondo libro, "Il Sigillo di Aniox - Il Destinato" ( la trovate in alto a destra) e che al momento, tra i suoi tanti impegni, sta lavorando anche alla copertina dell'ultimo libro della mia trilogia!

Detto questo, vi lascio e buona giornata!!

  

2 commenti:

  1. Io ho i volumi delle prime due trilogie (Le Cronache e Le Guerre), ma a dire il vero ho letto solo il primissimo volume (Nihal nella terra del vento..?) e insomma, non mi è piaciuto troppo. O forse, più che altro, ne sono rimasta delusa. Parlano tutti talmente bene della Troisi che mi ero aspettata un capolavoro assoluto, invece. Per carità, scrive bene e la storia fila, ma non l'ho trovata più brava di tanti altri autori, quindi boh. Continuerò sicuramente la saga (anche se Nihal la detesto) e penso che finirò anche la serie della Ragazza Drago, per quanto orrida l'abbia trovata.. mi mancano da leggere solo due volumi, che tra l'altro già possiedo, quindi uno sforzo lo farò.
    Per quanto riguarda Le storie perdute, a mio parere è uno di quei libri scritti solo sull'onda del successo. Non metto in dubbio che possa rivelarsi una buona lettura, ma non ci credo che a distanza di tutti questi anni le sia venuta l'improvvisa ispirazione di scriverne un altro. Secondo me la Troisi, come la Clare, è una di quelle autrici che una volta creato un mondo così vasto non riescono più a staccarsene e lo sfruttano fino all'inverosimile, peccato che a lungo andare le storie comincino ad annoiare (e lo dico io che ho letto Shadowhunters 347574894 volte, eh..!) non so.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La penso proprio come te! Da scrittrice, so che non è mai facile lasciare i propri personaggi, ma dopo un po' anche il lettore più appassionato rischia di annoiarsi! Se davvero riuscirai a finire la saga della Ragazza Drago devi essere molto, ma molto coraggiosa...

      Elimina

Che cosa ne pensi di questo? Di' la tua!