venerdì 21 novembre 2014

[Recefilm] Hunger Games - Il canto della rivolta (Parte prima)

Carrissimi lettori e lettrici, torno da voi dopo un po' di giorni di silenzio. Siete contenti? No? Peggio per voi, perché è da ieri sera che aspetto di scrivere questo post e ho deciso di farlo questa sera, dopo una bella giornata passata in quel di Firenze.
L'argomento del post in realtà non ha niente a che vedere con la città toscana, come avrete capito. Ieri era il 20 novembre ( che scoperta, direte voi) e immagino che gli appassionati sappiano perfettamente che ieri è uscito nelle sale italiane la prima parte del terzo capitolo della saga di Hunger Games *-**-*!


(dati presi dal sito www.comingsoon.it)

 Nemmeno l'insistente vocina nella mia testa che mi diceva che dovevo assolutamente studiare è riuscita a trattenermi: ieri mi sono fiondata al cinema, ed ero più agitata di quanto lo sia stata a molti compiti in classe! Confesso che non ero sicura di quello che avrei trovato. Quando si tratta di trasposizioni cinematografiche, c'è sempre un grande interrogativo: quanto sarà fedele al libro? E soprattutto, si saranno limitati a seguire la storia del libro, o ci avranno ricamato su con effetti speciali in stile USA? Quindi quando mi sono seduta in sala ero leggermente preoccupata.

Lo dico: credo di non aver battuto ciglio per tutta la durata della proiezione! Non solo il film è molto fedele al libro ( certo, nei limiti e nelle possibilità di un adattamento cinematografico) ma è stata un'emozione continua. 
L'attrice che interpreta Katniss, Jennifer Lawrence, è una Ghiandai Imitatrice che brucia davvero di un fuoco interno dopo che questo viene ravvivato dai giusti stimoli, e  anche tutti gli altri personaggi/attori fanno la loro parte.
Dal momento che non sono un'esperta di film, non mi arrischio ad entrare in dettagli tecnici che altri più preparati di me sicuramente potrebbero commentare. Da spettatrice, posso dire che sono rimasta molto soddisfatta sotto ogni aspetto: non solo gli effetti speciali non erano eccessivi, ma anzi li ho trovati molto equilibrati, sicuramente ad effetto ( scusate il gioco di parole) ed emozionanti, ma non tali da risultare assurdi. Qualche piccolo dettaglio stonato secondo me c'è stato ( tipo macerie fumanti dopo settimane) ma si tratta davvero di piccolezze. Mi sono sentita coinvolta in ogni istante: avrei voluto piangere e gridare con Katniss, unirmi alla ribellione dei distretti contro Snow, mi sono sentita a tratti piena di rabbia, altre volte commossa... anche se il film è durato solo (si fa per dire) due ore, mi è sembrato molto,  ma molto di più. Mi sono davvero immersa nella storia. Una storia che è un'azione continua, e questa è una cosa che ho apprezzato tantissimo: non ho trovato tempi morti, ma anzi tutto è un continuo susseguirsi di eventi che ti fanno trattenere il respiro. Alcune scene sono state davvero intense, anzi, ancora adesso chiudendo gli occhi posso rivederle dietro le palpebre.

E poi la rivolta dei distretti... è un qualcosa che secondo me il regista e tutti gli altri sono riusciti a rendere in modo molto efficace e coinvolgente.
Rileggendo quello che ho scritto,  direi che sono rimasta decisamente soddisfatta dal film! Anzi, oserei fare due affermazioni: che questo è il migliore dei tre film, e che mi è piaciuto perfino più del libro!
Per cui, se anche voi siete appassionati di Hunger Games, che cosa aspettate a fiondarvi al cinema?























Nessun commento:

Posta un commento

Che cosa ne pensi di questo? Di' la tua!