domenica 16 novembre 2014

[Recensione] Come lacrime nella pioggia di Sofia Domino

Buongiorno e buon inizio di settimana a tutti voi, lettori e lettrici! Oggi sono qui per parlarvi di un libro abbastanza particolare, Come lacrime nella pioggia di Sofia Domino, che mi è stato gentilmente inviato dalla stessa autrice per una valutazione. Fondamentalmente, il libro tratta della condizione delle donne in India, al fine di sensibilizzare il lettore su questo argomento attraverso un romanzo. Tuttavia, dal momento che io in questo blog recensisco libri e non i propositi degli scrittori, qualche appunto devo farlo.


TITOLO: Come lacrime nella pioggia
AUTORE: Sofia Domino
CASA EDITRICE: autopubblicato
NUMERO DI PAGINE: 282

TRAMA

A ventidue anni Sarah Peterson è una comune ragazza di New York, appassionata di fotografia e di viaggi.
A quindici anni Asha Sengupta è una giovane ragazza indiana, venduta come sposa da suo padre.
D’improvviso il presente di Sarah s’intreccia con quello di Asha. L’amicizia tra due ragazze, diverse ma uguali, spiccherà il volo. Non solo Sarah si ritrova, con il suo fidanzato, a vivere per lunghi periodi in un villaggio remoto dell’India, ma scoprirà che cosa si nasconde in un Paese magico e allo stesso tempo terrorizzante.
Asha farà di tutto per lottare per i suoi sogni, per avere dei diritti paritari a quelli degli uomini e per continuare a studiare, perché non vuole sposarsi così giovane, e non vuole sposare chi non ama. Sarah si schiererà dalla sua parte, ma nel suo secondo viaggio in India scoprirà che Asha è scomparsa. 
Liberarla dalla trappola in cui è caduta, per Sarah diventerà un’ossessione.
Un romanzo che fa luce su una verità dei giorni nostri, una storia di violenze, di corruzioni, di diritti negati. Una storia sull’amicizia. 
Una storia in grado di aprire gli occhi sull’India, il Paese peggiore in cui nascere donna.
 
Di solito non leggo molti libri "impegnati nel sociale", ma come sapete non ho, in genere, la tendenza a limitare le mie letture.
Devo subito ammettere che non sono partita al 100% convinta con questo libro, per una serie di ragioni. Innanzitutto, il titolo: poetico sicuramente, ma ormai trito e ritrito al punto da non essere più originale. Poi il fatto che si tratti di un'autopubblicazione - sì, recentemente ho sviluppato una certa avversione per questo campo dell'editoria, come saprete se avete seguito altri miei post - e il fatto che la protagonista fosse americana, che è anche questo un po' un cliché.
In ogni caso ho iniziato la lettura con l'intenzione di tenere a mente tutto quanto di buono e di meno buono avrei trovato in questo libro.
Purtroppo dico subito che non ne sono rimasta particolarmente soddisfatta, per una serie di motivi che ora vi spiegherò.

Da dove partire? Tra i primi appunti che ho preso per scrivere una recensione seria e oggettiva della storia figura la scritta spoiler. Si tratta di piccole cose in realtà, per lo più singole frasi, ma che anticipano scoperte che la protagonista Sarah, che racconta in prima persona la vicenda, farà soltanto in un momento successivo rispetto a quello di cui sta raccontando, e questo mi ha dato parecchio fastidio, perché fin da subito sapevo già che le cose sarebbero andate in un certo modo piuttosto che come sembrava dovessero andare.
Poi ho segnato un appunto sulla protagonista Sarah. Mi dispiace per lei, ma l'ho trovata, specialmente nella prima parte, assolutamente insopportabile. Arrivata in un paesino sperduto dell'India con il suo fidanzato indiano, presa consapevolezza della condizione delle donne si mette subito in testa di cambiare le cose. Scopo sicuramente nobile, ma alla fine lei è una turista capitata quasi per caso in quel paesino dove tali leggi durano da secoli, e in un mese crede di avere il diritto di dire a tutti come devono comportarsi... Chiariamoci, non sto difendendo chi maltratta le donne indiane, ci mancherebbe altro, ma l'ho trovata piuttosto irrispettosa delle tradizioni di quel paese. Forse Sarah non si rende conto che in un piccolo villaggio come quello in cui lei si trova, c'è anche una certa economia consolidata da mandare avanti, che c'è insomma un equilibrio da mantenere. Non stento poi a credere che si attiri l'ostilità degli uomini del villaggio: se un giorno qualcuno venisse a casa mia e mi dicesse come devo comportarmi e che devo cambiare le regole con cui ho sempre vissuto, e che ovviamente io ritengo giuste, m'incavolerei parecchio anche io. A questo si lega una differenza troppo marcata tra India e America- Occidente. Sembra quasi che tutti i mali siano da un lato, mentre in America le donne sono libere, rispettate etc, i genitori di Sarah sono ultracomprensivi, come il fidanzato Abhai e il padre di questo, ovviamente entrambi indiani. Ogni tanto Sarah si ricorda che nemmeno l'America è un paradiso, ma ecco, questa è l'impressione che mi è rimasta.
La prima parte è praticamente tutta dedicata agli sforzi di Sarah ed è, secondo me, la meno riuscita. La seconda parte invece ha un punto di vista diverso, quello di Asha, che neanche a dirlo è l'unica in tale villaggio sperduto a ribellarsi alle regole e a desiderare una vita diversa - anche qui ho avuto sentore di stereotipo. Anche se gli eventi da lei narrati non sono rosei, mi è sembrato quasi di scorgere un'eccessiva enfatizzazione dei fatti, come a sottolineare ancora una volta quanto l'India sia un Paese terribile. Per evitare equivoci, sottolineo ancora una volta che credo davvero che la condizione della donna sia particolarmente negativa, ma qui secondo me si tratta non di aver scritto un romanzo perché ispirati, ma di aver scritto qualcosa che fosse finalizzato puramente al messaggio che si voleva inviare, con tutti i limiti che questo comporta.
E quindi arriviamo all'ultimo punto negativo della recensione: lo stile. L'ho trovato, a dirla tutta, un po' anonimo e impersonale, molto simile ad altri che ho già incontrato nel mio percorso di lettrice. Non c'è niente che lo contraddistingua come uno stile che può essere solo e soltanto di Sofia Domino. L'ho anche trovato un po' inadatto al romanzo, un po' troppo freddo e piatto, mentre per la natura dei fatti narrati mi sarei aspettata un qualcosa di più emotivamente coinvolgente.

Tra gli aspetti positivi ci sono sicuramente i buoni propositi dell'autrice, impegnata in una campagna di sensibilizzazione per i diritti delle donne, e una ricostruzione più o meno accurata della vita del villgaggio indiano. Il lettore ha la possibilità di farsi un'idea precisa della differenza nello stile di vita degli uomini e delle donne indiane, delle loro idee, delle loro condizioni.
La storia, dopo le difficoltà delle parti iniziali, scorre più veloce e la lettura non mi è risultata pesante, anzi ho finito il libro in minor tempo di quanto avrei pensato, perché è inutile negare che malgrado i difetti sopra elencati, comunque non gravissimi, ero curiossisima di arrivare al termine e di scoprire se ci sarebbe stato il lieto fine che speravo. Quanto al fatto che poi ci sia stato o no, questo lo lascio scoprire a voi.



4 commenti:

  1. Ah bene, aspettavo questa recensione!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ci ho messo un po' ma alla fine è arrivata ;)

      Elimina
  2. Ciao!
    Purtroppo anch'io, come te, ho sviluppato da tempo un'avversione per l'autopubblicazione. Ho letto talmente tanti libri insulsi e scritti male che non ce l'ho più fatta ad accettare proposte che venissero da autori autopubblicati. Magari verrò criticata per questo, magari tra loro si nasconde un novello Shakespeare, ma per il momento preferisco leggere libri su cui sia stato fatto almeno un lavoro di revisione da una casa editrice seria.
    Comunque la trama di questo romanzo è anche interessante, l'India è un paese che mi ha sempre affascinato, ma non credo lo leggerò ;-)
    A presto ciaoooooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io inizialmente ho aperto il blog per dare spazio soprattutto agli autori esordienti ed emergenti e non ho mai rifiutato nè di leggere nè di segnalare opere autopubblicate, anzi molte le ho comprate io stessa in versione ebook e poi ne ho fatto la recensione, ma ho preso troppi granchi per credere ancora che si tratti di una forma alterntiva all'editoria classica, sicuramente non ha lo stesso livello di serietà, è inutile dirlo. Poi ultimamente sto ampliando anche la lettura dei classici, e allora di fronte a questi a stento i libri moderni pubblicati da case editrici grandi reggono il confronto, figuriamoci quelli autopubblicati. Certo, possono sempre esserci le eccezioni, e meno male che ci sono!

      Elimina

Che cosa ne pensi di questo? Di' la tua!