giovedì 19 febbraio 2015

Nella testa di una Jihadista - Anna Erelle

Sera, gente!
Scusate l'assenza di questi ultimi giorni, ma ho dato proprio oggi un esame e ho dedicato gennaio e febbraio a prepararlo, ragion per cui ho avuto davvero poco tempo - e, lo ammetto, ero anche un po' svogliata - per leggere e recensire libri.
Oggi vi propongo la segnalazione di un libro quantomai in tema con i tempi che corrono: Nella testa di una Jihadista di Anna Erelle.

TITOLO: Nella testa di una Jihadista
TITOLO ORIGINALE: Dans la peau d'une djihadiste
AUTORE: Anna Erelle
PAGINE: 260
CASA EDITRICE: Tre60
PREZZO: 14,00











Anna Erelle è giornalista francese specializzata in terrorismo. Spinta dal desiderio di comprendere il fenomeno dei giovani occidentali che si arruolano nelle file dell'ISIS, si crea un falso profilo Facebook, con il nome di Mélodie, e finge di essere una ventenne francese convertita all'Islam e interessata ad abbracciare la Jihad.
Su Facebook conosce Bilel, trentacinquenne francese convertito all’Islam e trasferitosi in Siria, che in seguito scoprirà essere il braccio destro del terrorista iracheno più ricercato dall'FBI, Abou Bakr al-Baghdadi. Nel giro di qualche settimana Bilel, dopo aver chattato ogni giorno con Mélodie su Skype (lei ha sempre il volto coperto dal velo), se ne innamora e le chiede di raggiungerlo in Siria per sposarlo e unirsi a lui nella lotta armata. 
Anna/Mélodie finge di accettare la richiesta di Bilel e parte per Amsterdam insieme a un collega fotografo. Dovrà poi andare a Istanbul e quindi in Siria. In realtà vuole arrivare ad Amsterdam per intervistare Lola, una giovane belga veramente convertita e in partenza per la Siria, poi andare al confine con la Siria per raccogliere informazioni sul luogo, e infine tornare in Francia per concludere il reportage.
Ma non tutto va come previsto e Anna/Mélodie è costretta a tornare a Parigi. Cancella il suo account Facebook e getta i telefoni cellulari che aveva dato a Bilel. Eppure riceve non solo minacce sul suo account Skype ma anche una telefonata in ufficio da Bilel, segno che è comunque riuscito a rintracciarla.

Anna Erelle è uno pseudonimo. A distanza di alcuni mesi dall'ultimo contatto con Bilel, l'autrice ha dovuto cambiare casa, telefono e vive sotto scorta.
Bilel ha lanciato una fatwa contro di lei pubblicando un video su internet. Sono circolate voci sulla morte del terrorista in un'imboscata, ma non sono attendibili.





2 commenti:

Che cosa ne pensi di questo? Di' la tua!